Domande frequenti sull’erba artificiale

Da cosa è composto un campo in erba artificiale per applicazioni sportive?

Un campo in erba artificiale è un impianto completo composto da diversi elementi. Ognuno di essi ha una funzione specifica e nell’insieme determinano le caratteristiche tecnico-sportive del campo da gioco. L’aspetto di esso è determinato dalle fibre in erba artificiale e dal materiale di riempimento (gomma e/o sabbia arrotondata). Scegliendo la gomma nera, ad esempio, si otterrà un altro effetto rispetto ad un intaso con materiale di colore verde. Ciò che non si vede, ma che tuttavia ha una grande importanza, è il substrato del campo in erba artificiale. Esso è composto da materiale permeabile e da un sistema di drenaggio che evita la formazione di pozzanghere sul terreno di gioco. Nel sottostrato viene posata una miscela di materiale particolare di circa 10 cm oppure si può anche scegliere di utilizzare uno strato elastico composto da gomma “assemblata” che garantisce la necessaria  ammortizzazione degli urti e la restituzione di energia.

Nell’erba artificiale è possibile creare linee, motivi o loghi?

Sì. L’intero manto in erba sintetica viene realizzato secondo i desideri del Cliente. I loghi o altri elementi cromatici vengono spesso integrati per dare al campo un aspetto particolare e personalizzato.

Perché esistono diverse altezze delle zolle di terreno con vegetazione?

Le zolle di terreno con vegetazione sono gli steli sollevati del manto in erba artificiale. Possono essere tagliati in altezze diverse (ad esempio 40-50-60 mm). Normalmente, viene calcolata un’altezza libera della zolla di 20 mm (la parte della fibra artificiale che sporge da sopra il materiale di riempimento).
L’altezza della zolla dipende principalmente dal substrato. Se si costruisce sui detriti allora l’altezza della zolla dovrà essere maggiore. Ciascun progetto viene valutato singolarmente insieme ad uno specialista.

Qual è la differenza tra un campo in erba artificiale e un tappeto erboso naturale?

La differenza principale tra l’erba naturale e l’erba artificiale è che quest’ultima può essere soggetta ad un uso più intensivo. Un campo in erba naturale può essere utilizzato mediamente 250 ore, massimo 300 l’anno, mentre un campo in erba artificiale è utilizzabile 7 giorni su 7.
L’erba artificiale richiede meno manutenzione e inoltre, per questo genere di attività, comporta dei costi più bassi. Ciò rende l’erba artificiale un investimento molto interessante ed a lungo termine.
L’erba artificiale occupa meno spazio. Servono meno campi, dato che non bisogna tener conto della ripresa vegetativa dell’erba o dello stato del campo in caso di cattivo tempo.
Per quanto riguarda la sensazione di gioco, l’erba artificiale è perfettamente in grado di competere con l’erba naturale. I campi in erba artificiale sono progettati in modo tale che le loro caratteristiche si avvicinino moltissimo a quelle di un campo in erba naturale.

Esistono dei campi in erba artificiale mobili?

Sì. È possibile installare un campo in erba artificiale che viene “legato” con del “velcro” appositamente progettato. In questo modo, una sala interna, utilizzata per manifestazioni, mostre, etc., può essere allestita e trasformata in un’area sportiva a pieno titolo, srotolando e fissando il manto in erba artificiale. Progetti del genere non sono assolutamente standard e richiedono un’assistenza professionale.
Inoltre, c’è anche il sistema Desso Mobile Sports, che consiste in lastre tagliate ad incastro tipo puzzle costituite da un sottostrato che assorbe gli urti e da erba artificiale. Queste lastre possono essere incastrate l’una nell’altra, dopodiché il campo può essere utilizzato immediatamente. Al termine della manifestazione, l’impianto sportivo Desso Mobile viene rapidamente rimosso e stoccato, pronto per la manifestazione successiva.

L’erba artificiale è costosa?

Un campo in erba artificiale richiede ovviamente un discreto investimento, ma va considerato soprattutto come un investimento a lungo termine. I costi orari di gioco su un campo in erba artificiale sono notevolmente più bassi rispetto a quelli di un campo in erba naturale. Grazie ad una manutenzione meno costosa, e meno intensiva, alla possibilità di un utilizzo multifunzionale e alla costante utilizzabilità, un campo in erba artificiale offre una ‘redditività’ più alta. Va poi considerato anche lo spazio costoso che si risparmia e allora si noterà che l’effetto di ‘ammortamento delle spese’ con l’erba artificiale è altissimo.

I manti erbosi in erba artificiale come rimangono al loro posto? Non si spostano col tempo?

I manti erbosi in erba artificiale non vengono attaccati al substrato: essi mantengono il loro posto grazie al materiale di riempimento. Il tappeto erboso in erba artificiale è pertanto “flottante” sul substrato, in quanto deve poter “vivere”. I manti subiscono un naturale processo di restringimento e si dilatano a seconda delle condizioni meteorologiche. Se venissero fissati si otterrebbero crepe e avvallamenti tanto da far perdere l’omogeneità nella superficie del campo.

Le talpe possono danneggiare un campo in erba artificiale?

Un manto in erba artificiale in linea di massima viene realizzato allo stesso modo di un tappeto. Le fibre artificiali vengono annodate su un tessuto successivamente rinforzato con uno strato di lattice. Questo “rinforzo” è così robusto che le talpe non possono creare varchi per passare e in alcuni casi tra il sottostrato e i manti erbosi in erba artificiale viene applicato anche uno strato materiale sintetico.

Su un campo in erba artificiale si formano le pozzanghere?

La permeabilità è uno dei fattori grazie a cui un campo in erba artificiale viene preferito al campo in erba naturale. Per prima cosa, nel rinforzo del manto erboso artificiale sono praticati dei forellini attraverso i quali l’acqua può facilmente filtrare nel sottostrato. Successivamente, il substrato è composto da materiale estremamente permeabile, come detriti frantumati, sabbia silicea o miscela di materie minerali. In caso di forti precipitazioni piovose, il substrato offre lo spazio per ‘immagazzinare’ l’acqua in eccesso e farla lentamente defluire dai tubi di drenaggio integrati. Ci sono dunque tutti i componenti necessari per mantenere il vostro campo in erba artificiale in buone condizioni.

Qual è la differenza tra praticare un’attività sportiva su un manto in erba artificiale e uno in erba naturale?

La sensazione di gioco sembra soggettiva, ma tuttavia vi sono elementi misurabili che permettono di fare un raffronto tra erba artificiale e erba naturale. Il rotolamento della palla, il punto di caduta della palla, le caratteristiche di scivolamento, lo sviluppo del calore, l’assorbimento degli urti e l’usura sono solo alcune delle proprietà che vengono testate a fondo. Sulla base dei dati raccolti, le strutture e la composizione della fibra vengono adeguate di conseguenza, finché l’erba artificiale non uguaglia perfettamente le caratteristiche dell’erba naturale.
Se però avete dei dubbi, potete sempre contattarci per visitare un campo in erba artificiale e constatare da soli la differenza.

Il colore del manto in erba artificiale può stingere sugli abiti che indosso durante la partita?

No. L’erba artificiale non stinge e il colore, di conseguenza, non macchia gli indumenti, non sporca il pallone o altri materiali.

Il manto erboso Desso GrassMaster può essere installato anche su piccole superfici?

No. I macchinari computerizzati con cui l’erba artificiale viene piantata nel terreno sono progettati per dotare i campi sportivi in fibre artificiali in modo più veloce ed efficace possibile. Per questo i macchinari sono troppo grandi per essere impiegati nei giardini, nelle rampe d’accesso, etc.

L’erba artificiale può scolorirsi al sole? E’ resistente ai raggi UV?

Tutto ciò che si trova all’aria aperta è esposto all’influenza della luce solare e più specificatamente dei raggi UV. Per questo Desso Sports Systems dota i suoi prodotti artificiali del Sistema di Protezione delle Fibre (FPS), una tecnologia che preserva il materiale, evitando che esso perda il colore a causa della luce solare. Gli stabilizzatori ultravioletti fanno in modo che le radiazioni nocive non penetrino nelle fibre.

E’ possibile riciclare un campo da gioco in erba artificiale?

I campi in erba artificiale usati in passato venivano già trasformati come tappeto vegetale per le piste di equitazione. Grazie alle nuove tecnologie, oggi un campo in erba artificiale può essere anche riciclato per applicazioni relative ai lavori pubblici ed altro. Grazie ai materiali di alta qualità, sia le fibre in erba artificiale, che il materiale di riempimento sono perfettamente riciclabili.

Contattaci